Il prodotto della massa  riempie sempre la pancia di una coscienza ottusa.

Ottuso , dal latino latino obtusus, da obtundĕre ossia “ottundere” è ciò che vive propriamente un offuscamento delle qualità dello Spirito.

Cosa può essere offuscato? In primo luogo la vista del Cuore.

– “Eh, proprio quello che stiamo vivendo in questi tempi – replica più di qualcuno”.

“Ni”.  Se si affina lo sguardo OLTRE la sfocatura della  lente (ciascuno la sua e oltre questa , lo sguardo è personale, sempre) altro non è che un replay di pellicole già viste ma si sa, ci sono cicli evolutivi che richiedono di “alzare il volume” di certe comunicazioni.  Di fronte ad esse il richiamo non è lo stesso per tutti e questo perchè la lente dello sguardo è per ciascuno, appunto, personale.

Ora cosa vuol dire “personale”? Che compete alla personalità.

Detto questo, che senso ha fare il giochino dei buoni vs cattivi?

-” Eh ma il sistema vuole questo”.

Ancora una volta ni: “il sistema” ha presa sempre e solo là dove tu NON CI SEI.

“Il sistema” , può essere utile immaginarlo come una mano che si muove su una pulsantiera: ogni tasto, un tuo ingranaggio, un tuo meccanismo cui non dedichi la dovuta attenzione.

Non c’è “nessun mostro” a volere il tuo male, tanto quanto il tu bene e il punto è :TU CONOSCI IL TUO BENE?

E ancor prima, TI CONOSCI? SAI COME FUNZIONI?

Quando ci sei TU a osservare la tua pulsantiera, a conoscerne i meccanismi e le reazioni, chi mai dall’esterno potrà toccarti?

Ciò che con slancio abusivo chiamiamo -la libertà- funziona allo stesso modo: MAI potrà accordarla qualcuno là fuori giacchè si tratta di una realizzazione profonda che passa dall’ osservazione puntuale delle proprie prigioni interne.

Non si compra. Non si vende. Non si baratta. E questo basta per renderla immune a qualsivoglia manipolazione esterna. Richiede allenamento e sforzo.

La libertà è l’AMANTE della disciplina.

Un uomo libero non è necessariamente un mistico, un illuminato . Un uomo libero è un uomo consapevole di non essere più un io cui garantire la sopravvivenza e da sfamare a suon di reazioni che sempre gli assicurano di aver soddisfatto un qualche bisogno.

In un momento in cui fa figo credere che la libertà sia appannaggio “dei ribelli” tu prendi le dovute distanze, regalati lo spazio e la centratura per ascoltare senza mai trattenere.

Osserva. VEGLIA.

Solo una grandissima disciplina a braccetto con un immenso senso di responsabilità può renderti LIBERO senza tempo , senza spazio.

Questo farà di te un INDIVIDUO incorruttibile , che  capace di modularsi all’esterno senza mai piegarsi al suo interno. Non teme la paura perchè nulla ha da perdere.

– “Ma dai, come fai a dire che nulla ha da perdere?”

Fratello mio, tu hai già spinto al marcia del pensiero sui possedimenti materiali , il conto in banca, l’irrinunciabile “ruolo professionale”, la casa, la macchina e chissà cos’altro.

Cosa vuoi che importi all’Anima tua? Lei  danza nel suo semplice ESSERE manifestazione non abbisogna di alcuna conquista o acquisizione, nessun titolo, nessun percorso, nessun conseguimento intellettuale.

Lei, non è interessata a che tu la capisca. Piuttosto , attende che tu la ri-conosca. La esperisca.

-” Sì ma ci stiamo mettendo gli uni contro gli altri, perchè il sistema ci vuole così”.

Ragion per cui, per quanto fastidioso, credere di dover combattere dei nemici “là fuori” equivale a ottundersi ancor più gravosamente, auto- recludendosi nella prigionia psichica di self-made.

Il carcieriere è il carcerato.

Chi mai vi potrà cavar fuori di lì ?

-“Come ci siamo spinti lì dentro”?

Ci finiamo tutte le volte che prestiamo il fianco a quel nemico che ci conosce così bene perchè sa di poter contare sulla continua dis-attenzione con cui sorvoliamo sulla nostra macchina biologica interna.

E quel nemico mangia, vive e dorme dentro di te.

Non fuori.

Se non hai voglia di svegliarti puoi dirtelo e adagiarti in un sonno più profondo. Che male c’è, fratello?

Ma se manchi la chiamata della tua Anima non puoi aspettarti di incolpare qualcuno.

A volte ti tocca cavarti giù dal letto e muovere i tuoi passi anche senza aver fatto colazione.

Ti verrà fame certo, ma avrai allenato il muscolo dell’attesa vigile e paziente, quella che, silente, ti avrà preparato a ri-conoscere  una Bellezza ardente, Immortale, ascensionale.

TOTALE.

 

 

Nel video qui sotto provo a rispondere alle vostre domande cariche di comprensibilissima tensione sulla situazione attuale – inserita nella cornice pandemica.

Se pensi che quest’articolo possa ispirare qualcuno condividilo sui social!

Non esiste altro modo di crescere che farlo insieme!

Mi dispiace, non puoi copiare questo testo! E' protetto da copyright!